Giovanni Fasoli

Don Giovanni Fasolidon Giovanni Fasoli, sacerdote dell’Opera Famiglia di Nazareth per Adolescenti-Giovani.
Bachelor in filosofia e teologia, Counsellor ad indirizzo umanistico ed integrato alta formazione in Psicologia del Coaching, laurea in Scienze Educazione/Educatore Sociale.
Operatore Training Autogeno livello base e livello superiore, Psicologo clinico e dell’educazione iscritto all’Ordine psicoterapeuta in formazione.
Docente all’Università IUSVE Venezia/Mestre di Psicologia dell’adolescenza Cyber-psicologia e new-media communication, Psicopatologia della realtà virtuale. Pedagogia della realtà virtuale, Cyber-coaching.
Docente presso magistero ISRR Treviso di Dinamiche della comunicazione. Aspetti psico-pedagogici.
Formatore Docenti nei corsi PON, Docenti di Feltre/Belluno
Punto di ascolto provinciale per il disagio scolastico del Provveditorato di Verona.

Social education: la vision di Giovanni Fasoli

La mia vision, l’orizzonte e la metodologia del mio lavoro è contenuta nel mio libro Educatore riflessivo. Tra on-line e on-life.
Punto zero. Intro. Aspetto fenomenologico e sociologico. Punto di partenza la realtà social degli adolescenti. Tra risorsa di comunicazione (contatto istantaneo generazionale) e rischio (cyberbullismo e sexting).
Di fronte a questo l’educatore riflessivo oltre il 2.0 come tessitore e ri-generatore di legami, attraverso le 4 R.

  1. Punto uno. Riconoscimento.
      Riconoscere la risorsa comunicativa ed invito a cogliere la grammatica della comunicazione dei New media per individuarne i meccanismi di efficacia.
  2. Punto due. Responsabilità.
      Dove il diritto non riesce ad intercettare la velocità del cambiamento si richiede un’etica del futuro. Etica per il tempo digitale rispetto al clone elettronico e alla fine della privacy, ai profili fake.
  3. Punto tre. Riflessività.
      Diventa l’atteggiamento fondamentale del l’educatore nel tempo digitale. Un educatore che Sa lavorare e far lavorare sulle conseguenze delle proprie azioni, competenza che manca al nativo digitale anche solo a livello di percezione.
  4. Punto quattro. Ricapacitazione.

    Ultimo passaggio ma decisivo nel senso che obiettivo finale è quello di portare il ragazzo a ricapacitare il suo modo di essere social nella direzione di nuovi stili di vita digitali.Il nuovo educatore non si muove più tra on-line e off-line ma on-life perché è uno che mette al mondo. Si tratta di un neo umanesimo digitale (Giaccardi).

Libri

Fasoli, G. Educatore riflessivo. Tra on-line e on-life, Padova, Libreriauniversitaria.it, 2016.

Articoli

  • Fasoli, G. Social Network: risposa a domanda? in “Etica per le professioni” “2 (2014), 42-49.
  • Fasoli, G. Posizione 2.5: vita social e decision making. Ipotesi di una psico-pedagogia post-digitale, in “IUSVEducation”, 8 (2016), 76-102.
  • Fasoli, G. PokemonGo
  • Fasoli, G. Are you lost in the world like me?
  • Fasoli, G. Mannequin challenge

Cosa Posso fare per te

    • formazione ragazzi nelle scuole e nei centri educativi
    • formazione genitori
    • formazione docenti

Dove mi trovi

Contattami

Info, dubbi, domande? Contattami! Compila il form, dimmi il motivo del contatto e ti risponderò al più presto.

Autorizzo il trattamento dei dati personali: art.13 D.Lgs. 196/2003